La protesi scheletrata

La protesi scheletrata detta anche scheletrato è una protesi parziale mobile con una struttura in lega di metallo: cromo, cobalto, molibdeno che si aggancia ai denti naturali rimasti in bocca che fanno da supporto.

La protesi scheletrata è utile quando, per motivazioni cliniche, non è possibile impiantare protesi fisse ed il paziente ha ancora alcuni denti sani in bocca.

Le protesi fisse sono quelle che sono cementate e non possono essere rimosse. Tra queste vi sono anche corone e ponti.

Lo scheletrato in metallo

La struttura principale di uno scheletrato è formata da una sottile barra di metallo, in genere, cromo-cobalto e su questa vengono fissati i ganci o attacchi ed denti protesici.

Se la protesi scheletrata deve supplire alla mancanza di denti sia nella parte destra che sinistra dell’arcata superiore, lo scheletro avrà la barra palatale (segue l’arco del palato).

Quando, invece, i denti da sostituire si trovano nell’arcata inferiore, la barra in metallo passa sotto alla lingua e per questo è chiamata linguale.

La presenza della barra serve ad assicurare maggiore stabilità all’intera infrastruttura protesica una volta collocata nel cavo orale del paziente

La struttura portante in metallo di tutti gli scheletrati è connessa ai denti naturali del portatore attraverso ganci anch’essi metallici che abbracciano gli elementi dentali oppure attraverso dei attacchi di precisione invisibili.

Quando vi è un numero maggiore di denti mancanti o una mascella senza denti, e non vi è alcuna possibilità di fissare un ponte o una corona e/o non si è in una posizione economica di farlo, non resta altro che fare una protesi fissa.

Nel nostro studio dentistico troverete un’appropriata assistenza, ed il dentista troverà il modo migliore per mettervi in condizione tale che l’adattamento alla protesi per voi risulti il più semplice possible